Stacks Image 58

Fisiokinesiterapia


Conosciuta anche come Fisiochinesiteapia, significa terapia che si svolge col movimento. Oggi, sempre piu persone si rivolgono a palestre, terme, centri sportivi e fisioterapisti per stare bene, questo e dovuto all'effetto benefico dell'attivita fisica. La ChinesiTerapia e un ramo importantissimo della Medicina riabilitativa, si puo utilizzare per curare la stragrande maggioranza delle patologie muscolo-scheletriche. Tanto per dare un'idea dell'importanza di questa terapia, oggi non e possibile aprire un ambulatorio di fisioterapia se non si ha un locale dedicato a palestra. Nella pratica, si utilizza per il recupero delle funzioni perse a causa di un evento traumatico o una patologia ortopedica (artrosi, fratture, lesioni muscolari o tendinee, lussazioni, distorsioni, scoliosi, infiammazioni ecc.), neurologica (ictus, sclerosi multipla, Guillan barre, Paralisi cerebrale infantile, paralisi ostetriche, patologie neuro-muscolari ecc.), reumatologica (artrite reumatoide, spondilite anchilosante ecc.), cardio vascolare (malattie coronariche), respiratoria (ipovalidita da lunga immobilizzazione) Esistono vari tipi di movimento: mobilizzazione passiva da parte di un fisioterapista o una macchina (ad es. il Kinetec), mobilizzazione attiva, attiva-assistita, esercizi di rinforzo, di coordinazione, rieducazione mirata, ginnastica correttiva, vascolare, metodica Mckenzie o manipolazioni. Per le patologie neurologiche si possono utilizzare metodi inventati da diversi terapisti: Vojta, Kabat, Bobath, Castillo Morales, Perfetti, Doman. Non esiste un metodo giusto e uno sbagliato, il trattamento dev'essere personalizzato in base alla patologia e ai sintomi del pazienti. I pazienti neurologici possono presentare un quadro clinico molto differente in base al tipo di problema, per esempio un soggetto che ha avuto un ictus “lieve” in 3/6 mesi di rieducazione mirata puo riapprendere le funzioni perdute o imparare un compenso che gli permette di svolgere tutte le attivita della vita quotidiana. Altri pazienti che hanno subito un danno grave potrebbero non avere la capacita di deambulare ed essere costretti a letto con gravi difficolta motorie; in questi casi dopo un anno tutti gli autori sono d'accordo sull'impossibilita di recuperare le funzioni perse, quindi la fisiokinesiterapia consiste in mobilizzazione passiva per evitare la rigidita articolare e le altre conseguenze muscolo scheletriche dell'immobilizzazione. I bambini che nascono con la paralisi cerebrale infantile necessitano di piu tempo per imparare a gattonare, strisciare, sedersi e camminare, ma con anni di lavoro si possono conseguire risultati insperati. Nell'ambito delle patologie ortopediche, i risultati migliori si ottengono utilizzando sia la fisioterapia tradizionale che i metodi elaborati da alcuni esperti fisioterapisti. Per esempio nelle patologie della colonna vertebrale con dolore irradiato agli arti inferiori (sciatica) o superiori (cervico brachialgia), gli esercizi e le posture Mckenzie nella maggior parte dei casi riescono ad eliminare i sintomi, sono sostenuti da evidenza scientifica. Altre metodiche basate sulla terapia manuale sono state elaborate e perfezionate da Cyriax, Maitland e Kaltenborn, basate su manipolazioni, tecniche miofasciali, esercizi e stretching. In questa pagina non entro nel merito del taping e delle ortesi perche sono solo facilitazioni del movimento. I pazienti che hanno subito una frattura, quando toglieranno il gesso, si troveranno con articolazioni rigide, muscoli deboli e paura di recidive. Inizialmente si dovra svolgere la mobilizzazione passiva e stretching per ridurre la rigidita, poi rinforzo muscolare in palestra e infine esercizi di riabilitazione propriocettiva per riacquisire sicurezza nelle attivita di vita quotidiana. Gli esercizi rendono piu elastica la capsula articolare, quindi permette una maggiore ampiezza dei movimenti, per la mia esperienza i risultati migliori si ottengono con l'estensione. E' importante rispettare sempre la soglia del dolore. Nella sindrome femoro-rotulea, che consiste nello spostamento della rotula verso l'esterno, la terapia piu efficace e il rinforzo del muscolo Vasto Mediale Obliquo e lo stretching della bandelletta ileo-tibiale, degli ischio-crurali e del legamento alare esterno. Per la riabilitazione della spalla post-intervento alla cuffia dei rotatori, tutti gli ortopedici consigliano il rinforzo dei muscoli stabilizzatori, quindi si lavorera sulle rotazioni contro la resistenza degli elastici, sul pulley e spingendo una palla di gomma contro il muro. L'osteoporosi e una patologia dell'attivita avanzata che consiste nella diminuzione della densita ossea, ne consegue un maggior rischio di fratture. Per rallentarne l'avanzamento o bloccarla, la ginnastica e la terapia migliore perche piu stimoli riceve l'osso piu aumenta la deposizione di calcio all'interno.